La magia di un ambiente migliore​

Obiettivo del Progetto è quello di delineare un intervento significativo ed articolato indirizzato al contenimento degli sprechi in campo alimentare.  SERIT intende porre tra i propri scopi aziendali quello di supportare con una propria linea di attività specifica un comportamento corretto circa l’adeguato utilizzo degli alimenti da parte delle famiglie e dei professionisti del settore culinario, che vanno dai ristoratori ai fornitori di catering per passare alle mense aziendali e alle aziende legate alla distribuzione dei cibi.  Le nostre cucine sono notoriamente invase da una quantità incontrollata di alimenti dettata dalla necessità di garantire i nostri menù quotidiani in modo sublime ma spesso sovradimensionato. La logica conseguenza è la puntuale celebrazione di uno SPRECO ragguardevole, che nasce dalla SPESA SBAGLIATA e termina con quanto noi GETTIAMO NELLA SPAZZATURA.  Molto spesso ancora commestibile e molto spesso ancora utilizzabile per altri piatti del nostro menù.

Si stima che il volume annuo di spreco alimentare nel mondo assomma ad un terzo di tutto il cibo prodotto per il consumo dell’uomo (FAO).  Questi parametri molto significativi variano ovviamente in relazione alla ricchezza complessiva del Paese di riferimento, laddove i Paesi in via di sviluppo sprecano molto meno nel consumo domestico mentre è forte il loro spreco durante la produzione, la lavorazione e la conservazione, contrariamente ai Paesi ad alto reddito nei quali una grande quantità di cibo “buono” viene sprecato direttamente dai consumatori.

La FAO ci dice che in media una persona che vive in Europa spreca intorno ai 95-115 kg all’anno. In termini di impatto ambientale questo fenomeno così accentuato sottrae di fatto importanti risorse utilizzabili per la produzione come l’energia e l’acqua. La produzione di cibo non consumato rappresenta anche lo spreco di fonti fossili, la pesante emissione di anidride carbonica inutilmente avvenuta in eccesso, e la conseguente opera di deforestazione e di cambiamenti climatici in modo significativamente inappropriato.

CHE FARE? 

SERIT capitalizza la propria pluriennale esperienza nel settore, soprattutto nei riguardi della cura dell’ambiente, aprendo una pagina nuova dedicata a questo importante obiettivo che viene denominato “SERITLAND – La magia di un ambiente migliore“, con una propria proposta operativa ed organizzativa.  Esistono numerose possibilità di riduzione dello spreco alimentare ed il PROGETTO pone al centro della propria esecuzione una serie di soluzioni e di interventi peculiari, nella specifica volontà di creare e delineare un percorso nuovo che contribuisca ad un nuovo stile di vita. Il nostro CONCEPT si basa essenzialmente sulla capacità di destinare al consumo umano tutti quei prodotti che hanno perso valore commerciale e che vengono erroneamente scartati dalla catena agroalimentare, ma che sono perfettamente utilizzabili. Ed è su questo concetto che intendiamo sviluppare l’attività indirizzata ad una riduzione significativa e capillare degli sprechi, individuando soprattutto nella preparazione professionale degli addetti ai lavori la soluzione vincente. L’educazione del consumatore, sia all’atto degli acquisti che all’atto dell’utilizzo dei prodotti acquistati è tra i fattori determinanti al conseguimento di un vero cambio di marcia. La sfera didattica sarà pertanto elemento basilare per il successo del progetto, e la costruzione di un modello divulgativo originale e ricco di indicazioni ne sarà il perfetto compendio.  Le ricette salva spreco, la spesa intelligente, la cura sapiente del frigorifero, l’utilizzo del giardino sono ulteriori elementi di valutazione e di risposta strategica.

Caricando...