Il progetto di Fai per l’assunzione di 14 persone presso la Serit

Ha preso il via nei giorni scorsi presso l’autoscuola Pit Stop di San Giovanni Lupatoto il secondo corso per disoccupati al fine di acquisire la patente C e CQC. L’iniziativa è promossa e organizzata da FAI Verona , nell’ambito del progetto “ Prendi questa strada”, e vede coinvolte 14 persone disoccupate che saranno poi impiegate presso l’azienda associata  SERIT, azienda che svolge il servizio di raccolta rifiuti in 58 Comuni del veronese.  A novembre erano stati otto i disoccupati che avevano conseguito le patenti grazie alle quali possono condurre i mezzi utilizzati per la raccolta differenziata e per i servizi legati all’igiene del territorio.

“Ricordo che in questi casi l’ostacolo maggiore è quello del costo da sopportare per ottenere le due patenti, in quanto stiamo parlando di alcune migliaia di euro”, spiega il presidente di SERIT Massimo Mariotti. “Noi siamo interventi concorrendo alla spesa, a completamento di quanto previsto dal progetto regionale in maniera così da poter agevolare il loro ingresso nel mondo del lavoro. Ecco quindi che con questi nuovi ingressi potremo offrire una opportunità di lavoro ai disoccupati e al tempo stesso contare su una pianta organica in grado di poter svolgere il servizio in maniera efficiente e puntuale”.

Soddisfatto il presidente di FAI Verona, Moreno Santarosa,” per questo secondo corso che viene svolto grazie contributo del Fondo Formatemp e della società interinale STAFF,   che  permette ai neopatentati di poter avere un posto di lavoro. Oltretutto per questa edizione, gli esami verranno ora svolti presso la Motorizzazione Civile di Verona e non più presso quella di Rovigo, con notevole risparmio quindi di tempo da parte degli aspiranti conducenti”. 

Ma oltre a questo corso Fai Verona ha disposto un percorso continuativo per persone disoccupate che vogliono avvicinarsi al settore dell’autotrasporto.” Un impiego  che garantisce specialmente a Verona un ruolo professionale per il conducente di sicura soddisfazione sia per quanto riguarda l’attività svolta che per quanto concerne l’ottimo compenso proposto”, sottolinea il Segretario di Fai Verona Alessio Sorio.

Le professionalità richieste oltre agli autisti sono i disponenti, figure strategiche nelle aziende di autotrasporto, che con sempre nuove tecnologie, ottimizzano le attività dell’azienda riducendo i percorsi a vuoto. Km in meno che liberano risorse per l’azienda, ma anche per l’ambiente riducendo l’inquinamento.

La situazione è grave,  “i dati statistici ci dicono che la media dell’età degli autisti italiani supera i 50 anni e che già nel 2021 mancheranno oltre 10.000 autisti.

Una situazione preoccupante che prospetta camion fermi sui piazzali, merce nei magazzini e, per sopperire a questo, un flusso di veicoli stranieri che imperverseranno sulle nostre strade.

La domanda sorge spontanea: quante aziende chiuderanno? E saremo in grado di verificare che venga rispettata la sicurezza sulle strade e nei quartieri”?

Condividi su :

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp